Cane e amico

Come diventare cane da terapia

Grazie alla loro sensibilità i cani trovano rapidamente il giusto punto d'accesso verso l'uomo.
Grazie alla loro sensibilità i cani trovano
rapidamente il giusto punto d'accesso verso l'uomo.

I cani da terapia sono cani che insieme con il proprio conduttore offrono volontariamente e senza compenso dei servizi sociali regolari. Il cane da terapia viene formato con il proprio conduttore e insieme effettuano le visite come un team. Alcune persone in possesso di una formazione, come medici o terapeuti, integrano il proprio cane da terapia nel lavoro o collaborano con un team.

La possibilità di guarigione non deve sempre essere presa in considerazione, ma verso il cane i pazienti presentano spesso un comportamento diverso da quello manifestato nei confronti delle persone.

Non tutti i cani sono idonei...

I seguenti animali sono ritenuti idonei:

  • Cani gentili e bendisposti nei confronti degli uomini
  • Cani che accettano la loro posizione nella società e il cui punto di riferimento è il proprio conduttore
  • Cani saldi di nervi che sotto una guida giusta sopportano molto
  • Cani che si intendono con i loro simili e il cui istinto di cacciatori è controllabile
  • Cani che sono stati educati in modo comprensivo e coerente
  • Cani fisicamente sani

...e neanche tutti i conduttori

Il conduttore di un cane da terapia deve essere compassionevole e cordiale, e deve essere disposto a trasmettere gioia alle persone svantaggiate, malate o sole. Il tempo e la disponibilità di offrire regolarmente impiego senza compenso sono presupposti essenziali per la formazione.

Protezione completa dei cani

L'Associazione Cani da Terapia Svizzera cura la sensibilità completa verso la natura e tiene sempre in considerazione le esigenze del cane. I cani da terapia sono cani da famiglia. Gli impieghi volontari sono limitati nel tempo. Non bisogna esigere troppo dall'animale, poiché solamente cani allegri e rilassati sono cani da terapia di successo. I cani vengono esaminati ogni anno dal veterinario secondo direttive molto severe e i cani più vecchi vengono mandati «in pensione».